EconomiaLavoro

Veronafiere, Covid-19 posticipa anche l’aumento di capitale …

È Veronafiere Spa che riferisce che “alla scadenza dei termini per l’aumento di capitale di 30 milioni di euro e per l’eventuale manifestazione di interesse per i non eletti, prevista per venerdì 31 luglio, solo Banca Veronese Cooperativa de Concamarise e Intesa Sanpaolo ha aderito alla sottoscrizione della quota pro e allo stesso tempo ha comunicato di non esercitare alcun diritto di sottoscrizione preferenziale rispetto al resto. “
Una situazione attesa, a causa dei numerosi problemi critici che l’emergenza Covid 19 ha causato a vari livelli e che ha portato a una diversa valutazione dei parametri della società di Viale del Lavoro da parte degli altri azionisti.

“La volontà espressa dagli Azionisti, con voto unanime nell’assemblea degli azionisti dell’11 febbraio, di risolvere l’aumento di capitale, finalizzata alla completa attuazione del piano aziendale 2019-2022, non viene meno a causa dell’emergenza di Covid 19 – sottolinea Maurizio Danese, presidente di Veronafiere. Il consiglio di amministrazione si riunirà la prossima settimana per registrare formalmente il risultato di questo primo mandato. e identificare i migliori metodi tecnici per incoraggiare la piena aderenza alla capitalizzazione della Società entro il 2020.
Allo stesso tempo, conclude Danese, la governance ha assicurato la stabilità finanziaria dell’azienda, attraverso l’utilizzo di prestiti con primarie banche e, infine, con Cassa Depositi e Prestiti per ulteriori 10 milioni di euro “.

Il tuo browser non è in grado di riprodurre il video.

È necessario disabilitare il blocco degli annunci per riprodurre il video.

Disattiva l’audioDisattiva l’audioDisattiva l’audioAbilita audio


macchia

Abilita schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto. Riprova più tardi.

Apetta un minuto...

Forse potrebbe interessarti...

È necessario abilitare JavaScript per riprodurre il video.

Struttura aziendale di Veronafiere Spa dopo il 31 luglio 2020: Comune di Verona (39,483%), Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona (24,078%), Camera di commercio di Verona (12,985%), Cattolica Assicurazioni (7,075%), Banco BPM Spa (7,009%), Agenzia veneta per l’innovazione nel settore primario (5.379%), Provincia di Verona (1.401%), Intesa Sanpaolo Spa (1.354%), Banca Veronese Cooperativo di Concamarise (0.883%), Immobiliare Magazzini Srl (0.188%) e Regione Veneto (0,161%).

.

VERONA.digital

Questo articolo é stato originalmente publicato in 2020-08-02 14:20:32 su www.veronasera.it, puoi accedere al contenuto originale con un click su questo link.

Le informazioni qui riferite sono di esclusiva responsabilità dei sui autori.

VERONA.digital

Mostra di piú

Articoli correlati

Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *

Botão Voltar ao topo

Adblock detectado

Per favore disattiva Ad Block per continuare a navigare sul sito.